Partito di Alternativa Comunista

Quarta Internazionale per l'8 marzo

Donne lavoratrici e povere:
lottiamo contro i licenziamenti e la miseria!

 
  
 
dichiarazione della Lega Internazionale dei Lavoratori
 Quarta Internazionale
per l'8 marzo

donne
 
In questo nuovo 8 marzo, il mondo sta vivendo una catastrofe, con un 'ondata di licenziamenti che portano alla disperazione milioni di lavoratori in tutto il mondo. La crisi economica non è più una cupa previsione, ma una realtà crudele con banche e industrie che falliscono, servizi pubblici abbandonati a se stessi, brutale diminuzione della produzione agricola, ecc.
Come un castello di carte, stanno crollando tutti i settori dell'economia mondiale, creando un quadro che unisce la disoccupazione ai i rincari degli alimenti, all’approfondimento della distruzione della sanità e dell'istruzione pubbliche, alla perdita accelerata dei più elementari diritti.
I numeri parlano da soli. Negli Stati Uniti, stando alle cifre ufficiali, nel 2008 si sono persi 2,6 milioni di posti di lavoro e si prevede che entro il 2009 un lavoratore su dieci rischia il posto di lavoro. In Spagna, la percentuale di disoccupazione è aumentata dal 8,7% al 14%, una cifra che arriva al 50% tra i lavoratori immigrati. In America Latina, la Cepal (Commissione economica per l'America Latina e Caraibi) prevede che il calo della disoccupazione degli ultimi anni si arresterà e che saranno in particolare i paesi per i quali l'emigrazione era una valvola di sicurezza. L’Ilo (International Labour Organization) stima che il numero dei disoccupati nel mondo crescerà di circa 50 milioni, passando da 190 a 230 milioni e che i lavoratori che vivono con meno di un dollaro aumenteranno di 40 milioni tra il 2008 e il 2009.
Il capitalismo imperialista che ha provocato questa crisi, dimostrando la sua incapacità di soddisfare i bisogni dell'umanità, ora la scarica sui lavoratori.
 
Le donne lavoratrici e povere non hanno nulla da festeggiare in questo 8 marzo
Doppiamente aggredite dallo sfruttamento e dalla discriminazione, le donne lavoratrici affrontano questa crisi con una percentuale elevata di lavoro precario: nelle “maquilas” in Messico, America Centrale e nei Caraibi, nelle zone franche del Brasile, nei lavori in semischiavitù nel settore dell’abbigliamento in Argentina, nei miserabili lavori degli immigrati negli Stati Uniti e in Europa.
Spinti dalla crisi, i governi riducono sempre più il budget per la sanità e per l'istruzione. Crescono i prezzi di asili nido, dei servizi pubblici e dei trasporti. Per non parlare della cultura o del tempo libero che rimangono sempre relegati. Le opere pubbliche necessarie per proteggere le donne, come l'illuminazione di strade e piazze, sono letteralmente dimenticate. La stessa cosa avviene per ciò che attiene alla salute della famiglia, come la costruzione di nuove abitazioni, di reti fognarie, il trattamento dei rifiuti ecc.
La possibilità di avere un lavoro dignitoso che garantisca l'indipendenza finanziaria, condizione fondamentale per l'emancipazione delle donne, appare sempre più lontana non solo in Europa e negli Usa dove è il centro della crisi. Un’analisi Eclac informa che con ogni probabilità saranno colpite dalla crisi le attività con alta partecipazione di manodopera femminile, come il commercio, i servizi finanziari, l’industria tessile, l’abbigliamento. La stessa cosa si prevede per il turismo e per i servizi domestici, dove si concentra una gran parte del lavoro femminile, in particolare tra le lavoratrici immigrate.
Ma le donne che lavorano, non sono solo colpite come parte della classe operaia, ma anche come casalinghe e madri. Che conservino o meno il posto di lavoro, dovranno subire la disoccupazione di massa dei loro compagni. In molti casi, saranno costrette ad incrementare la giornata lavorativa con tutti i tipi di lavoro informale per poter mantenere la casa, mentre continueranno a caricarsi di tutte le faccende domestiche. Inoltre subiranno il progressivo deterioramento di sanità, istruzione e di tutti i servizi sociali e avranno una maggiore difficoltà a prendersi cura di bambini, adolescenti e anziani genitori. Tutto ciò è già una realtà per le donne immigrate in Europa e Stati Uniti d'America, i cui mariti sono diventati le principali vittime della crisi.
Di fronte a questa realtà, soprattutto oggi, è ipocrita la propaganda capitalista che “fa gli auguri” alle le donne nel loro giorno. Le donne lavoratrici non hanno nulla da festeggiare in questo 8 marzo. Devono soltanto lottare perché sono licenziate da fabbriche, banche, uffici, ospedali, negozi. Devono lottare perché i loro mariti rimangono sulla strada e loro sono costrette a sopportare tutto il peso della casa. Devono combattere per difendere la scuola e la sanità pubbliche perché da ciò dipende l'istruzione e la salute dei loro figli.
 
La crisi economica aggrava tutte le forme di oppressione
La progressiva distruzione dei servizi pubblici rende più pesanti i compiti della donna lavoratrice e povera rafforzando le catene della schiavitù domestica. La disoccupazione di massa colpisce non solo la vita della famiglia operaia, ma porta con sé il deterioramento dei rapporti umani. Si perdono le prospettive per il futuro e sopraggiunge la fuga nell’alcol e nella droga. Tutto questo si traduce in una maggiore violenza nella società e nella famiglia della classe operaia. Donne e bambini sono le principali vittime. Ogni giorno vediamo casi di donne maltrattate, di bambini abusati, di donne violentate. E questo aumenterà con il crescere della disoccupazione. Aumenteranno anche le molestie sessuali sul luogo di lavoro, per la paura delle donne di denunciarle di fronte al pericolo della disoccupazione.
Con il deteriorarsi delle condizioni di vita, la mancanza di educazione sessuale e la difficoltà di accesso ai metodi di contraccezione, la maggior parte delle donne lavoratrici e povere saranno costrette a ricorrere ad aborti clandestini (o brutali metodi di aborti casalinghi) per le gravidanze indesiderate o per l'impossibilità di assicurare una vita dignitosa per i loro figli. Nel frattempo, le cliniche clandestine, continuano a guadagnare fortune grazie alla legislazione repressiva che impedisce che l'aborto venga eseguito gratuitamente negli ospedali e con le migliori condizioni mediche. Queste cliniche rappresentano la seconda fonte di affari, dopo il traffico di droga, in gran parte dei paesi coloniali e semicoloniali. Di ciò è particolarmente colpevole la Chiesa cattolica che, con la sua politica ipocrita di "difendere la vita" invia milioni di lavoratrici povere alla morte o alle mutilazioni. Sono altrettanto responsabili i governi che in primo luogo distruggono, con i loro piani, le condizioni di vita delle lavoratrici, e poi, capitolando a pressioni da parte della Chiesa e agli interessi dei proprietari di cliniche illegali, si rifiutano di depenalizzare l’aborto.
Le prime a subire questa terribile situazione sono le donne lavoratrici più povere ed emarginate, le nere, le immigrate e tra queste le più giovani. Tutte sono totalmente emarginate e dimenticate, anche da parte dei governi che pretendono di "governare per tutti", come quelli di Lula e Chavez
 
Una prospettiva socialista
La borghesia favorisce le donne per attuare le sue politiche contro la classe lavoratrice e i popoli del mondo.
Solamente con un governo operaio e popolare si potrà avanzare nel cammino dell’emancipazione femminile.
Le donne lavoratrici e povere non hanno altra strada che lottare affinché la classe operaia prenda il potere. Mentre il mondo è dominato dall’imperialismo attraverso i suoi governi borghesi, l’oppressione delle donne non potrà che continuare. Ciò accade perché il capitalismo utilizza questa oppressione per aumentare lo sfruttamento su tutta la classe lavoratrice e questo raddoppierà ora con la crisi e con le politiche che faranno pagare la crisi ai lavoratori.
Quanto più la crisi si approfondirà, tanto più crescerà la tendenza della borghesia ad imporre donne (così come neri o indigeni) nelle principali funzioni dello Stato. La partecipazione delle donne nei parlamenti e governi borghesi, anche se piccola, sta avanzando in tutto il mondo. Questo è una conseguenza distorta della lotta delle donne per la propria emancipazione. Ma le donne lavoratrici e povere non debbono farsi ingannare. Il ruolo di queste donne è dare una parvenza “femminista” per applicare, con più facilità, politiche contro le lavoratrici e le donne povere e contro tutta la classe operaia e i settori popolari. A conferma di ciò, è sufficiente citare il ruolo di Cristina Kircher in Argentina, Michele Bachelet in Cile, Dilma Roussef (una delle principali figure del governo Lula) in Brasile. Negli Stati Uniti, Hillary Clinton, rimpiazza Condoleezza Rice. Quest’ultima fu l’incaricata di applicare la politica di Bush in tutto il mondo. Ora Hillary Clinton farà lo stesso lavoro per Obama, iniziando già con l’invio di truppe in Afganistan.
Nella striscia di Gaza, donne e bambini, sono state le principali vittime dei bombardamenti israeliani. Non si sono udite in nessun luogo le grida di protesta di Condoleezza, di Hillary, né di nessun altra tra le potenti che partecipano o dirigono i governi. In Israele, Kadima, il partito di governo che promosse i bombardamenti, è guidato da una donna, Tzipi Livni, che mira a vincere le elezioni. Cosa possono aspettarsi le donne palestinesi da questa donna, che non fece nulla per fermare i bombardamenti e che pensa di formare un governo con il partito fascista Likud, di Benjamin Netanyahu?
In questo 8 marzo del 2009, quando le donne palestinesi ancora stanno cercando di riprendersi dal bagno di sangue sostenuto da Israele nella striscia di Gaza, rivolgiamo un appello alla classe operaia mondiale, specialmente alle donne lavoratrici e povere, ad appoggiare la resistenza palestinese contro la politica criminale di Israele e dell’imperialismo. Abbasso l’assedio. Perché tutti i palestinesi, soprattutto le donne incinte, possano avere libero accesso alle cure mediche! Perché si fermino immediatamente le distruzioni delle case dei palestinesi! Pene esemplari per i soldati israeliani che abusano delle donne palestinesi! Istituzione immediata di strumenti di difesa dei diritti delle donne, creazione di case di rifugio e altri servizi per proteggere le donne e i bambini dalle violenze! Che non rimanga nemmeno un soldato israeliano nella striscia di Gaza! Per la fine dello Stato sionista e genocida di Israele! Per una Palestina unica, laica, democratica e non razzista!
 
Abbasso il capitalismo e l’imperialismo!
Questo deve essere il grido di guerra delle donne lavoratrici e povere in questo 8 marzo. Di fronte a questa immensa crisi, che attacca brutalmente milioni e milioni di donne e uomini in tutto il mondo, dobbiamo costruire una prospettiva dei lavoratori. In tutto il mondo milioni di donne si stanno unendo nella lotta. In Medio Oriente, anche con la testa velata, le donne prendono le armi per lottare, sia in Palestina che in Irak. Nella lotta che si sta combattendo contro i licenziamenti, esse partecipano difendendo i posti di lavoro o formando commissioni di casalinghe in difesa del lavoro dei loro compagni. Le insegnanti, così come le studentesse, dalla Grecia all’America Latina, stanno alla testa della lotta in difesa dell’educazione. Questo è fondamentale perché senza la partecipazione delle donne lavoratrici e delle giovani studentesse non c’è vittoria possibile.
I problemi delle donne sono i problemi della intera classe operaia. Per fare in modo che la crisi la paghino i capitalisti che l’hanno provocata e non i lavoratori, le donne e gli uomini della classe operaia, devono rafforzare la lotta in comune contro tutte le forme di discriminazione: uguale retribuzione per uguale lavoro, nidi d’infanzia in tutti i luoghi di studio e lavoro, proporzionalità alle donne nelle direzioni sindacali; in difesa della vita delle donne: depenalizzazione dell’aborto, case protette per le donne vittime di violenza; in difesa dell’educazione e della salute pubblica: aumento immediato delle spese per la scuola e la salute. In difesa del lavoro e del salario: diminuzione dell’orario di lavoro senza riduzione del salario, scala mobile dei salari, nazionalizzazione sotto controllo operaio delle imprese che chiudono o che licenziano.
Ma la lotta sindacale non è sufficiente. E’ necessario abbattere il capitalismo e costruire una nuova società, la società socialista che non è organizzata in funzione dell’ottenimento del profitto per pochi, ma in funzione di rispondere alle necessità dell’intera umanità. La società socialista sarà realizzabile solo a partire dal trionfo della rivoluzione proletaria e popolare che ponga al potere la classe operaia. Questo non è possibile senza la partecipazione delle donne lavoratrici che sono più del 50% della classe operaia mondiale. Come fecero le operaie tessili russe, nell’ottobre del 1917, le donne devono rompere le catene della società maschilista, per occupare il posto che spetta loro nella storia.
Il trionfo della rivoluzione socialista richiede la costruzione di un partito rivoluzionario mondiale. Per fare ciò è imprescindibile la partecipazione, con ruolo dirigente, delle migliori avanguardie di lotta della classe operaia.
Con questa convinzione, in questo 8 marzo, salutando le lotte delle lavoratrici, di cui la resistenza palestinese è un simbolo, la Lit-Quarta Internazionale, riprende l’appello della Quarta Internazionale delle origini: largo alle operaie! largo alla gioventù!
 
Viva la lotta delle donne lavoratrici contro l’oppressione e lo sfruttamento!
Unità della classe operaia contro i licenziamenti e la perdita dei diritti!
Abbasso il capitalismo imperialista!
Viva la lotta per la rivoluzione socialista mondiale!
 
 
(trad. dall'originale in spagnolo a cura della Commissione femminile del Pdac)

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 114

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac