Partito di Alternativa Comunista

PENSIONI: BASTA SACRIFICI PER I LAVORATORI!

PENSIONI: BASTA SACRIFICI PER I LAVORATORI!
Sciopero generale subito!
 
Il 19 giugno si è aperta a Palazzo Chigi la trattativa tra governo e parti sociali (sindacati e organizzazioni imprenditoriali) sul Documento di programmazione economica e finanziaria (Dpef) che traccia le linee della Finanziaria 2008.
Il 15 giugno governo e parti sociali hanno concordato i tempi di chiusura della trattativa, il 28 giugno, in modo da permettere al governo di emanare, successivamente al Dpef, un decreto legge che recepisca l’intesa governo-sindacati sulle pensioni.
Sulle pensioni i ministri liberaldemocratici convergono su un punto: aumento dell’età pensionabile e taglio dei rendimenti pensionistici, attraverso la revisione dei coefficienti.
Il ministro dell’Economia, Padoa Schioppa, ha chiesto “equilibrio della spesa pensionistica con lo scalone e con i coefficienti”, e che siano acquisiti gli aumenti dei contributi previdenziali per i lavoratori dipendenti (0,30%) e per i lavoratori a progetto.
Il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, ha avanzato una proposta “definitiva e strategica”: invece dello scalone di Maroni (che innalza a partire dal gennaio 2008 l’età pensionabile a 60 anni) propone gli scalini ascensionali. I democratici Lamberto Dini e Tiziano Treu, la radicale Emma Bonino vorrebbero che le donne lavorassero fino a 65 anni, il laico Enrico Borselli non fa distinzioni di sesso, “bisogna alzare l’età pensionabile” per tutti.

Anche i quattro ministri della sinistra di governo (Prc, Pdci, Verdi, Sd) hanno detto la loro richiamandosi al programma elettorale. La loro lettera “aperta” ha ricevuto disponibilità all’ascolto da Prodi, richiami al metodo da Marini e Damiano (“il consiglio dei ministri è il luogo del confronto”) e al merito da Rutelli (“sulle pensioni non si scherza”). Ma è il gioco delle parti.
Lo smantellamento del sistema pensionistico pubblico è un processo iniziato nei primi anni Novanta e fortemente voluto dai poteri forti, industriali e finanziari: dalla Banca centrale di Francoforte, alla Banca d’Italia. La pensione pubblica va ridotta in favore della pensione complementare (Fondi pensione) ha dichiarato il governatore Draghi in questi giorni: proprio a fine giugno metteranno le mani sul Tfr dei lavoratori, con il meccanismo truffaldino del silenzio-assenso, grazie al sostegno attivo della burocrazia sindacale.
Nell’arco di un decennio, governi e poteri forti hanno realizzato l’innalzamento progressivo dell’età pensionabile e la modifica del sistema di calcolo del rendimento pensionistico: si è passati infatti dal sistema retributivo che assicurava un rendimento pensionistico di circa l'80% dell’ultimo salario, al sistema contributivo che abbassa i rendimenti a livelli da fame.
Di fronte alla “disponibilità” all’aumento dell’età pensionabile espressa dal segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, e alle "aperture" di Epifani, riteniamo insufficiente la richiesta di sospendere la trattativa avanzata da Giorgio Cremaschi, a nome della Rete 28 aprile, a Cgil, Cisl e Uil.
 
Il Partito di Alternativa Comunista si rivolge ai delegati, ai lavoratori -che in questi giorni stanno effettuando scioperi nelle aziende di tutto il Paese per salvaguardare il diritto ad una pensione pubblica certa nei tempi e dignitosa nel rendimento- e li invita a riflettere sul fatto che la pressione sul governo fino a oggi non ha portato a risultati concreti, mentre il capo dei padroni, Cordero di Montezemolo, si permette di insultarci chiamando i lavoratori “fannulloni”.
E’ arrivato il momento dello sciopero generale, sulla base di una piattaforma unificante, contro il governo e il padronato!

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 113

NEWS Trotskismo Oggi n 19

Ultimi Video

tv del pdac