Partito di Alternativa Comunista

Un anno fa iniziava il massacro di Gaza

27 dicembre 2009

Un anno fa iniziava il massacro di Gaza

Dichiarazione della Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

 

Il 27 dicembre 2008, le forze armate israeliane iniziarono un'offensiva militare su larga scala contro la Striscia di Gaza. 

 


 


 

gaza


Quest'iniziativa di Israele costituiva la continuazione della sua politica verso questo territorio palestinese dopo la vittoria elettorale di Hamas nel 2006. La prima iniziativa era stata promuovere un golpe, con l'appoggio di Abbas e di Al Fatah, per cacciare Hamas dal governo del territorio di Gaza. Questo tentativo di golpe venne sconfitto dalla mobilitazione delle masse che spinsero Hamas ad espellere dal territorio l'apparato militare di Abbas e la polizia di Al Fatah, ottenendo così di liberare una parte del territorio dal potere dell'Israele.Come riferivamo nella Dichiarazione della Lit del 29 dicembre 2008: "questa situazione era del tutto intollerabile per uno Stato come Israele, che ha iniziato un'azione combinata di attacchi militari, prima per distruggere le infrastrutture per la produzione di energia elettricità e somministrazione di acqua e, successivamente, con bombardamenti diretti sulla popolazione civile ed un embargo asfissiante per impedire l'ingresso di alimenti, medicine e combustibili. Bisognava a tutti i costi sconfiggere la resistenza del popolo di Gaza ed obbligarlo ad arrendersi".Dunque, dopo aver cercato di colpire la Striscia di Gaza in quanto territorio autonomo, l'embargo costituiva il secondo tentativo di Israele di riprendere il controllo su Gaza ed aveva come obiettivo quello di trasformarla in un ghetto isolato e invivibile. L'invasione israeliana del 27 dicembre 2008 era, pertanto, la prosecuzione, attraverso un'offensiva militare su larga scala, dell'obiettivo di sconfiggere la popolazione palestinese nella Striscia di Gaza e ristabilire il dominio di Israele su quel territorio.

 

La resistenza palestinese e la mobilitazione internazionale hanno costretto alla ritirata dell'esercito israeliano e alla fine del massacro a Gaza

Come riferisce l'Editoriale di Peacereporter, "Si è trattato dell'intervento militare più duro dalle guerre del '48 e del '67 nei territori occupati. In 22 giorni di assedio sono morti 1.400 palestinesi. Fra essi, 300 bambini e 115 donne. Nell'incursione hanno perso la vita 13 soldati israeliani. 4.000 case sono state distrutte o gravemente danneggiate. Cinquantamila palestinesi sono rimasti senza un tetto e fra il 35 ed il 60% delle attività economiche di Gaza ha subito danni irreversibili" (tratto da rebelión.org).
Questi dati mostrano chiaramente che quanto accaduto a Gaza tra il 27 dicembre 2008 ed il 18 gennaio 2009 è stato un massacro: la natura degli obiettivi e la distruzione arrecata rendono evidente che gli attacchi sono andati ben oltre il semplice tentativo di annichilire la capacità militare delle forze di resistenza palestinese. Sia l'imperialismo degli Stati Uniti che quello europeo sono stati conniventi con questo massacro, riconfermando il loro appoggio allo Stato d'Israele.
Tuttavia, e nonostante la loro immensa superiorità militare, le truppe di Israele sono state costrette al ritiro senza aver raggiunto il loro obiettivo: piegare la resistenza e riprendere il controllo dei territori di Gaza.
Anche se i mezzi di comunicazione hanno fatto passare l'immagine che Israele aveva portato a termine la missione che si era proposto - porre fine al lancio di missili palestinesi sulle città israeliane - l'esercito sionista è uscito sconfitto perché, nonostante le atrocità commesse, la resistenza del popolo palestinese ha impedito che le truppe riuscissero a controllare il territorio, proprio mentre le mobilitazioni internazionali e l'avvicinarsi dell'investitura di Obama (che non poteva certo cominciare il proprio mandato appoggiando il bombardamento di civili in Palestina) spingevano per la ritirata di Israele da Gaza.

 

L'embargo a Gaza continua e Israele impedisce l'ingresso di beni essenziali nei territori

Essendo stato sconfitto nella sua offensiva militare su larga scala, Israele ha continuato, tuttavia, con la politica dell'embargo. Quantunque l'invasione di Gaza sia terminata, questo territorio continua ad essere un ghetto, circondato da Israele e nel quale la popolazione sopravvive in condizioni terribili.
Basti dire che oggi un terzo della popolazione di Gaza vive in campi profughi e che avere un lavoro è già di per sé un privilegio, dal momento che, secondo dati ufficiali, la disoccupazione arriva al 60‑70%. Questa crescita della disoccupazione è stata una delle conseguenze dell'embargo, a partire dal quale Israele sta rinforzando la sua politica di apartheid, utilizzando sempre meno lavoratori palestinesi: va ricordato che, prima dell'inizio delle restrizioni in entrata e in uscita dalla Striscia di Gaza, molti dei lavoratori di Gaza lavoravano durante il giorno in Israele e sono rimasti disoccupati dall'inizio dell'embargo. Da quel momento, quasi soltanto diplomatici e alcuni giornalisti possono attraversare il confine con Israele (attraverso il checkpoint di Erez).
Una parte della politica israeliana di trasformare Gaza in un ghetto, sta nell'impedire non solo la circolazione delle persone, ma anche dei beni essenziali, come cibi, medicine e materiali per la costruzione (che potrebbero consentire la ricostruzione di case ed infrastrutture essenziali); e ciò è particolarmente allarmante, dal momento che le statistiche ufficiali dicono che, a causa della continua distruzione delle infrastrutture del Paese, l'80% della popolazione sarà dipendente dagli aiuti esteri per quel che riguarda l'alimentazione: che, oltre ad essere quantitativamente insufficiente, non copre le necessità nutrizionali della popolazione più giovane.
Sia gli Stati Uniti che l'Europa continuano a sostenere la politica di Israele nella Striscia di Gaza e nel territorio palestinese in generale, e sono perciò complici diretti della politica genocida in corso e per la barbara situazione in cui oggi migliaia di palestinesi sono costretti a vivere.

 

Sostegno alla marcia che tentava di entrare a Gaza ed è stata bloccata dal governo egiziano!

Il massacro a Gaza di un anno fa e la perpetuazione dell'embargo genocida di Israele alla Striscia di Gaza hanno ancor più deteriorato l'immagine dell'Israele a livello internazionale: è diventato abbastanza usuale associare Israele al nazismo paragonando Gaza al Ghetto di Varsavia. È in questo senso che ha preso corpo la Campagna per il Boicottaggio di Israele (Bds in inglese: Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni economiche), mentre svariate delegazioni organizzate tentano di entrare a Gaza per portare solidarietà ed anche aiuti umanitari al popolo palestinese.
È in questo contesto che, a distanza di un anno dall'inizio del massacro a Gaza, un gruppo di parecchie centinaia di persone di più di 20 paesi si è organizzato per formare una carovana internazionale - Marcia per la Libertà di Gaza - con l'obiettivo di spezzare l'assedio e partecipare ad una manifestazione pacifica a Gaza con i palestinesi il giorno 31 dicembre. Oltre alla solidarietà con il popolo palestinese, questa carovana internazionale - con lo slogan "Stop all'assedio a Gaza" - portava anche beni di prima necessità, come attrezzature mediche e latte in polvere per bambini.
Questa colonna di aiuti è stata bloccata dal Presidente Hosni Mubarak prima di entrare in Egitto, dove si stava dirigendo con l'intenzione di arrivare a Gaza attraverso il confine di Rafah con l'Egitto. In queste ore, le informazioni di cui disponiamo ci dicono che la marcia è riuscita ad entrare in Egitto ma che il Presidente egiziano sta impedendo agli attivisti dei vari paesi di giungere a Rafah, bloccando i trasporti in direzione di questa frontiera e reprimendo le manifestazioni che in Egitto si stanno realizzando in segno di solidarietà con i 1.400 palestinesi uccisi un anno fa nell'attacco di Israele a Gaza. Esprimiamo il nostro totale sostegno al tentativo di questa marcia di spezzare l'assedio a Gaza e protestiamo contro la servile connivenza del Presidente egiziano alla politica dello Stato di Israele che impedisce a questa carovana internazionale di entrare a Gaza attraverso l'Egitto e reprime chi manifesta solidarietà ai palestinesi.

 

 

È necessario distruggere lo Stato di Israele

Un anno dopo l'inizio del massacro a Gaza, continuano ancora oggi le morti di palestinesi causate dai bombardamenti "selettivi" israeliani, mentre l'embargo di cibi, combustibile e medicine sta uccidendo lentamente la popolazione di Gaza. Lo Stato di Israele è uno Stato razzista che, come il nazismo o l'apartheid in Sudafrica, ha l'obiettivo di espellere dal suo legittimo territorio la popolazione in quanto araba musulmana, mentre gli ebrei si considerano una razza distinta e superiore. Per questo è fallita, e continuerà a fallire, qualsiasi soluzione di due stati, perché, lo ribadiamo, finché esisterà lo Stato di Israele, solo esso potrà sopravvivere, ma seminando intorno a sé la morte ed il terrore.
Dunque, un anno più tardi riaffermiamo ciò che dicemmo nella Dichiarazione della Lit-Quarta Internazionale del 23 gennaio 2009: "la Lit fa appello a continuare la mobilitazione internazionale fino al ritiro completo delle truppe da tutta la Striscia di Gaza, la fine degli attacchi aerei, la completa eliminazione dell'embargo e l'apertura dei posti di frontiera (...) I ghetti ed i bantustan di ieri sono i territori palestinesi di oggi, di coloro che non possono uscirne o ricevere aiuti, ed hanno non solo l'obiettivo della segregazione per motivo di razza e religione, ma anche quello di facilitare i bombardamenti per massacrare gli arabi senza colpire la popolazione ebraica. Per questo è necessario mantenere una campagna permanente per la distruzione dello Stato di Israele. Il boicottaggio internazionale che si riuscì ad imporre al governo dell'apartheid in Sudafrica fu decisivo perché le masse di colore potessero abbattere quel regime. Ora dobbiamo continuare ad esigere che i governi di tutto il mondo rompano le relazioni diplomatiche e commerciali con il regime nazi-sionista di Israele".

 

STOP ALL'EMBARGO A GAZA!

ABBASSO LO STATO DI ISRAELE!

VIVA LA RESISTENZA DEL POPOLO PALESTINESE!

ROTTURA DELLE RELAZIONI DIPLOMATICHE E COMMERCIALI CON IL REGIME NAZI‑SIONISTA DI ISRAELE!

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




 

Cremona  venerdì 14 giugno 


 

Domenica 2 giugno ore 19

 


1 giugno

Cremona

https://www.partitodialternativacomunista.org/articoli/materiale/cremona-venerdi-14-giugno

 


23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac