Partito di Alternativa Comunista

Grecia: divampa ancora la lotta

Grecia: divampa ancora la lotta
Il capitalismo sull'orlo della bancarotta

 

 

di Davide Margiotta
 
Ad un anno esatto dall'assassinio del giovane Alexis, ammazzato dalla polizia, la Grecia è di nuovo in fiamme. Nel dicembre scorso nelle principali città del Paese migliaia di persone organizzarono barricate, scioperi e occupazioni.

 

 
grecia 09
 
Una nuova ondata di proteste si è scatenata nei giorni scorsi, per la crisi economica e per la repressione poliziesca, che  anche dopo la vittoria "socialista" nelle elezioni di ottobre non è affatto cessata, come dimostrato in questi giorni.
La mobilitazione ha avuto inizio sabato 5 dicembre, quando è stata occupata la sede comunale di Keratsini, un sobborgo della capitale, e nel quartiere di Exarchia sono scoppiati tafferugli fra manifestanti e poliziotti. Il governo "socialista" ha mobilitato 12 mila poliziotti per reprimere le proteste, guidate in larghissima maggioranza dalla gioventù, che sono partite da Atene e Salonicco e sono divampate velocemente in tutto il Paese: Patrasso, Rodi, Creta e Ioannina.
Al solito, i media della boghesia hanno fatto a gara nel rappresentare la rivolta greca come un’eruzione di violenza gratuita di un manipolo di anarchici e giovani deviati, ma la realtà è che la situazione sociale è esplosiva, come dimostrano i numerosi scioperi generali che hanno paralizzato il Paese negli ultimi anni, con alcuni casi di occupazioni di fabbriche, le lotte ad oltranza come quelle di insegnanti (6 settimane), e operatori ecologici (4 settimane), e naturalmente le infinite mobilitazioni studentesche, con occupazioni degli edifici.
 
La prospettiva della bancarotta dietro la rivolta
In questi anni i governi della borghesia hanno attaccato pesantemente le condizioni di vita del proletariato. In un Paese in cui una persona su cinque vive al di sotto della soglia di povertà, da un lato si sono regalati decine di miliardi di euro per salvare le banche in difficoltà, mentre dall'altro si provvedeva a peggiorare le pensioni, tagliare i fondi per l'istruzione pubblica e lo stato sociale, e si operavano una serie di privatizzazioni ad esclusivo vantaggio di poche famiglie della classe dominante.
Lo scontro sociale esplode nel momento in cui la crisi capitalistica tocca in Grecia la sua vetta più alta e lo spettro della bancarotta si profila all'orizzonte. Il premier Giorgio Papandreou ha assicurato che “non c'è alcun pericolo di bancarotta” e ha escluso paragoni con Dubai,  ma in meno di undici mesi il deficit di bilancio, stando ai dati ufficiali, è passato dal 3,7% al 12,7% del prodotto interno lordo, oltre quattro volte il tetto fissato dall'Ue.
In un contesto di politica monetaria dove la Bce è intenzionata a ridurre la liquidità in circolazione la situazione greca pesa anche sulle banche locali, che hanno perso terreno in borsa sull'onda di indiscrezioni secondo le quali sarebbero state invitate a ridurre la loro esposione in bond per favorire i prestiti alle imprese.
In questo scenario il governo greco si appresta a congelare salari, pensioni e assunzioni  pubbliche. Con la nuova legge di bilancio saranno bloccati salari e pensioni al di sopra di duemila euro lordi mensili: un provvedimento che riguarderà 500 mila impiegati e 400 mila pensionati su una popolazione di 11 milioni di persone. Gli altri avranno aumenti appena sopra il tasso di inflazione.
 
Comunismo o barbarie
I governi borghesi di tutta Europa continuano a guardare con preoccupazione ad Atene, temendo di vedere le barricate di Atene e Salonicco nelle proprie capitali. La crisi capitalista mina alle fondamenta la fiducia che le masse sfruttate ripongono nelle classi dominanti. Ma perché le eroiche lotte del proletariato e della gioventù greca (e non solo) abbiano la possibilità di vincere, il loro coraggio non è sufficiente. La storia (e il buon senso) dimostra che la borghesia non abdicherà volontariamente al suo dominio e che il socialismo non potrà essere edificato sulle macerie dell'autodistruzione del capitalismo. E' necessario che la maggioranza politicamente attiva del proletariato comprenda la non riformabilità del capitalismo e si organizzi per prendere il potere e marciare verso la costruzione di  un nuovo ordine sociale basato sull'essere umano e non sul profitto.
L'alternativa è tra comunismo e barbarie. Serve un programma che partendo dai bisogni elementari delle masse innalzi sempre più la loro coscienza. Questo ruolo può essere svolto solo dal partito comunista rivoluzionario che ad oggi non c'è, ma che dobbiamo costruire con urgenza. In Grecia, anche i compagni dell'Okde-Ep, con cui collaboriamo, lavorano in questa direzione!
Un partito comunista rivoluzionario è internazionale o non è, e questo è vero a maggior ragione oggi. La Lega Internazionale dei Lavoratori, e il Pdac, sua sezione italiana, lotta ogni giorno contro il tempo proprio affinché le battaglie dei prossimi anni non siano disperse tragicamente perché prive di una prospettiva e di un programma rivoluzionari.
 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




 

Cremona  venerdì 14 giugno 


 

Domenica 2 giugno ore 19

 


1 giugno

Cremona

https://www.partitodialternativacomunista.org/articoli/materiale/cremona-venerdi-14-giugno

 


23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac