Partito di Alternativa Comunista

COSTRUIAMO LO SCIOPERO GENERALE

COSTRUIAMO LO SCIOPERO GENERALE
contro il governo e il padronato
TUTTI A ROMA VENERDI 17!


foto sciopero
 
Un duro attacco contro i lavoratori, gli immigrati, i disoccupati, gli studenti e le masse popolari è in atto: ancora una volta su questi soggetti viene scaricata la crisi capitalistica. Un’azione che il governo Berlusconi e il padronato sentono di poter sferrare impunemente a seguito del disarmo politico provocato nella classe operaia durante il governo Prodi dalla sinistra riformista (Prc, Pdci, Sd) e dai loro agenti nella burocrazia sindacale.
Il metodo utilizzato è quello di sempre: dividere gli immigrati dal resto della classe, i lavoratori del privato dai lavoratori pubblici, i lavoratori del commercio da quelli dell’industria.
 
L’azione padronale...
In questo quadro si inseriscono l’accordo separato del Commercio (firmato da Cisl e Uil) e la trattativa sul nuovo modello contrattuale tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil. La Confindustria con il documento del 12 settembre ha voluto chiarire che “l'obiettivo primario della contrattazione collettiva deve essere il buon funzionamento delle imprese” mentre al sindacato è affidato un ruolo di “partner-complice”, di innocuo erogatore di servizi. Gli industriali, dopo aver ridotto il salario, affermata la derogabilità in sede aziendale e territoriale delle condizioni minime stabilite nei contratti nazionali, vogliono sterilizzare e sanzionare il diritto di sciopero durante i rinnovi. Un modello contrattuale che abbiamo visto all’opera nella vertenza Alitalia, dove le maggiori organizzazioni sindacali del settore (Cgil, Cisl, Uil, Ugl, SdL) hanno firmato un accordo di lacrime e sangue per i lavoratori, a vantaggio della speculazione finanziaria.
 
...e del governo
Il governo, in attesa di sferrare un nuovo attacco alle pensioni, ha colpito il salario (l’inflazione programmata è stabilita nel Dpef al 1.5% per il 2009, mentre quella reale supera il 4%); subito dopo gli immigrati con il "Pacchetto sicurezza" e l’utilizzo dei militari nelle città, fomentando un clima razzista; quindi i dipendenti pubblici con il Decreto che riduce salario e diritti, poi mettendo in discussione la contrattazione collettiva; infine i lavoratori precari e le stesse garanzie contro l’arbitrio padronale garantito dall’art.18 dello Statuto dei lavoratori. Ma su tutto spicca la controriforma Gelmini, approvata con voto di fiducia, che smantella la scuola pubblica a vantaggio delle scuole private e confessionali. Nella scuola sono previsti tagli per 8 miliardi di euro, licenziamenti di migliaia di precari (130 mila), maestro unico alle elementari, chiusure e accorpamenti. Mentre con l’espediente della Fondazione si privatizza l’Università. Il quadro è completato dalla Finanziaria triennale, una stangata di 36,2 miliardi di euro, e dalla legge delega sul federalismo fiscale, con privatizzazioni degli ospedali: dopo la truffa dei Fondi pensione, adesso propongono i Fondi per la sanità.
 
Il Partito di Alternativa Comunista ritiene che l’unica via d’uscita da questa tenaglia è l’immediata rottura del tavolo di trattative sul nuovo modello contrattuale, da parte della Cgil, e la costruzione di una vertenza generale, sulla base di una piattaforma unificante, contro il governo e il padronato.
Dopo la scesa in campo dei precari, degli studenti e dei lavoratori della scuola, dopo il successo della manifestazione antirazzista del 4 ottobre a Roma, è importante lavorare alla costruzione dello sciopero generale indetto dal sindacalismo di base (Rdb Cub, SdL, Conf. Cobas) per il 17 ottobre, anche superando ogni settarismo e convogliando tutte le forze del sindacalismo combattivo alla manifestazione di Roma.
Il successo di questi appuntamenti deve costituire l’inizio di un percorso di lotte:
 
FINO A UN GRANDE SCIOPERO GENERALE UNITARIO E DI MASSA
PER CACCIARE IL GOVERNO BERLUSCONI!
 

Per partecipare al corteo con lo spezzone del Pdac l'appuntamento è
in Piazza Esedra dalle ore 9 (davanti alla Basilica)
 
Per informazioni sul viaggio dalle diverse città o contatti
 
Michele Rizzi 328 178 78 09 o cellulare nazionale 334 77 80 607
Francesco Doro 333 13 12 748

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 113

NEWS Trotskismo Oggi n 19

Ultimi Video

tv del pdac